Frenesia

Il petto scoperto, come mai esposto
impotente e fervente, totalmente si strugge
del folle delirio, insopprimibile,
di una malinconia che tormentosa asfissia
senza sosta scavando insanabili voragini.

Teneramente spietata è la squisita ferocia
dell’inaudita arsura che ardente
consuma risalendo la gola sopraffatta
da una sete placida e fremente
di promesse sospese, di anelanti attese.

Non conosce freno questa smania che tartassa
morbida e febbrile, come quiete, come fuoco
deliziosa e lancinante lama affonda
sui palmi che inermi, già sfatti accolgono
delle mancanti carezze gli atroci squarci.

E’ una frenesia che non distingue argini,
lieve come poesia e impellente come un assillo
violentemente e dolcemente straripa
dalle vene che estatiche ne traboccano, ebbre
del suadente richiamo all’abbandono assoluto.

Chiara Romaniello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close