L’ultimo tradimento

a cura di Andrea Mario Rossi

Un provvedimento che passa nell’indifferenza generale, una risoluzione che semplicemente falsifica la Storia Contemporanea dell’Europa e del mondo intero.

Nemmeno il Silvio Berlusconi degli anni d’oro è riuscito nell’impresa che ha portato a termine, nei giorni scorsi, l’Europarlamento.

Ebbene, ciò che sembrava davvero impensabile non più tardi di qualche decennio fa, si è effettivamente realizzato: il Parlamento UE ha sancito sostanzialmente che Comunismo e Nazismo sono stati la stessa cosa.

Ho i brividi soltanto a scrivere una cosa del genere, purtroppo tant’è.

Un altro elemento raccapricciante di tutta questa storia è rappresentato dal voto favorevole (insieme a Lega e FDI) di 15 Eurodeputati del Partito Democratico.

S&D: Bartolo (PD), Benifei (PD), Bonafè (PD), Calenda (PD), Chinnici (PD), Cozzolino (PD),
Danti (PD), De Castro (PD), Ferrandino (PD), Gualmini (PD), Moretti (PD), Picierno (PD), Pisapia
(PD), Tinagli (PD).

Ecco i cognomi che non dovrete dimenticare perché artefici dell’ultimo tradimento, della “soluzione finale” di una Storia che si è voluta seppellire, affogandola senza pietà all’interno del conformismo liberista, unica regola vincente delle nostre tristi faccende quotidiane.

Nei prossimi anni, i libri di Storia che leggeranno le nuove generazioni saranno colmi di grigiore e di verità superficiali: all’interno di questa mozione si arriva addirittura a teorizzare la responsabilità Sovietica riguardo all’inizio della seconda guerra mondiale.

Bisognerebbe ricordare a questi signori il ruolo decisivo e imprescindibile dell’Armata Rossa nella vittoria contro il Nazifascismo, per non parlare della totale adesione dei Comunisti dell’Europa Occidentale (P.C.I. in prima fila) alle Costituzioni Democratiche del dopoguerra.

La restaurazione è dunque completa, l’asservimento totale al Dio denaro e alle sempreverdi logiche di profitto chiude, anche culturalmente, ogni residua prospettiva di riscatto collettivo e di autodeterminazione delle masse.

Uccidere l’idea dell’ambizione collettiva, rafforzando ed affamando sempre più l’idea della prevaricazione degli uomini su altri uomini.

Quali saranno dunque i modelli sociali di riferimento delle generazioni future?

Un’operazione di revisionismo storico così violenta e ipocrita avrà delle conseguenze catastrofiche per l’avvenire.

Il tema non è “Rinnegare il Comunismo”, bensì ammazzare sul nascere qualsiasi idea che possa contemplare la messa in discussione le regole del “Mercato” o dei grandi potentati finanziari.

Per ora hanno vinto loro, questo è indubbio…

Certo è che spesso la Storia si è divertita a punire coloro i quali hanno provato ad alterare in maniera strumentale il corso degli eventi.

Assisteremo con curiosità a quel che accadrà in futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close