SARDINE? UNA BENEDIZIONE. MA UTILI SOLO SE RADICALI

A cura di Andrea Mario Rossi

Non commettiamo il solito errore di questi decenni :

per quanto possa essere bravo, bello e spettinato, non è compito del leader delle sardine quello di costruire un’ alternativa sociale alle destre e ai neofascismi imperanti.

Mattia e gli altri, a mio parere, hanno avuto il coraggio (ed in parte il dovere) di occupare il vuoto cosmico (più che ventennale) di prospettive e credibilità lasciato da gruppi dirigenti “Riformisti e Radicali” della sinistra italiana oramai in decomposizione pressoché compiuta.


L’ altra sera, mentre in Bolivia era in corso il colpo di stato, il PD manda in TV Veltroni a parlare della necessità del “Riformismo”.

Quale riformismo?

Lo stesso che ha aperto la strada alla precarietà, alla frammentazione e progressiva dissoluzione dei diritti, alle privatizzazioni selvagge, alla aziendalizzazione delle scuole e dei luoghi pubblici del sapere?

La verità è che potranno nascere anche dodici milioni di sardine, purtroppo arriverà sempre il momento di fare i conti con i propri errori.

C’ è bisogno di radicalità, radicalità e fermezza nelle scelte (mi va benissimo la mitezza del linguaggio e l’ approccio gentile ed educato proprio di chi possiede la sicurezza delle idee.)

Questa nuova radicalità non può essere garantita da classi dirigenti che hanno contribuito a ridurci in questo stato di cose, avendo ancora la boria di proporci soluzioni.

Bisognerebbe avere il coraggio di gridare ai quattro venti : “Il PD è stato l’ errore politico più grande degli ultimi 200 anni, chiediamo scusa ai lavoratori e a chiunque credeva nei principi di uguaglianza e giustizia sociale.”

Il PD ha rinnegato il socialismo come unico strumento umano contro la barbarie ed il regresso.

I fatti di questi mesi e di questi giorni, dall’ Europa al Sud America, dimostrano che la verità è un’ altra :

Non esistono più “terze strade” o inganni dettati dalla necessità di compromessi a ribasso con chi gestisce il potere economico.

La Sinistra è utile se fa la Sinistra, minestrine neo-centriste condite dalla mitologica e ciclica comparsa della Società Civile servono soltanto ad accelerare la vittoria dei nuovi fascismi.

Torniamo all’ inizio di questo discorso: tifiamo tutti per le Sardine a patto che scelgano di diventare il grimaldello ideologico e culturale per l’ archiviazione di una stagione di codardie e imbarazzi.

Scendere in piazza contro i fascisti è il primo passo per salvare la Democrazia in questo paese, il secondo sarà quello di proporre una ricetta per un nuovo Umanesimo.

Lì si giocano tutte le nostre carte : serviranno coraggio e autonomia.

Come è evidente, questo è solo un piccolo contributo di riflessione rispetto ad un movimento a cui guardo con interesse e curiosità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close